Guida all'uso - Scheda tecnica del servizio

Modalità di pagamento

Le inserzioni dovranno essere pagate anticipatamente secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito,
  • bonifico bancario,
  • conto corrente postale.

Pagamento con carta di credito Nel caso in cui il cliente opti per la modalità di pagamento online con Carta di credito, l’utente verrà trasferito sul sito del partner bancario dell’Istituto (Banca Nazionale del Lavoro) per eseguire l’operazione di pagamento. L’Istituto non verrà a conoscenza del numero di Carta di credito dell’utente ma solo dell’esito della transazione di pagamento.

torna su

Pagamento con bonifico bancario Nel caso in cui il cliente opti per la modalità di pagamento mediante bonifico bancario, sarà necessario:

  • Versare l’importo dovuto mediante bonifico sul conto corrente bancario intestato a “Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A” presso Unipol Banca S.p.A., viale di Porta Tiburtina n. 46 - 00185 Roma , IBAN: IT 81 T 03127 03201 000 000 050 000, indicando obbligatoriamente nella causale il numero di inserzione.
  • Comunicare nell'apposito form gli estremi dell’avvenuto pagamento, indicando l'IBAN ordinante (Coordinate bancarie del conto dal quale è stato eseguito il pagamento) e il codice identificativo assegnato al bonifico dalla banca ordinante in forma di CRO (Codice Riferimento Operazione) o o di TRN (Transaction Reference Number).
torna su

Pagamento con conto corrente postale Nel caso in cui il cliente opti per la modalità di pagamento con conto corrente postale, sarà necessario:

  • Versare l’importo dovuto sul conto corrente postale n° 16715047 intestato a “Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato”, indicando obbligatoriamente nella causale il numero di inserzione.
  • Comunicare nell'apposito form gli estremi dell’avvenuto pagamento. I dati necessari sono visibili sulla stampigliatura emessa dalle Poste sul bollettino di conto corrente.
torna su

Fatturazione Pubblica Amministrazione

Si fa presente che, in applicazione della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 art. 1 c. 209 e del Decreto 3 aprile 2013, n. 55 art. 1 commi 1 e 2, le amministrazioni pubbliche sono soggette alla fatturazione in forma elettronica e pertanto non possono più procedere al pagamento anticipato.

Ai sensi dell’art. 1 comma 629 della legge n.190 del 23.12.2014 e del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 23.01.2015 in materia di split payment, nonché del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze n. 55 del 03.04.2013 in materia di fatturazione elettronica, le Pubbliche Amministrazioni sono tenute a indicare nella richiesta di pubblicazione:

  • Il Codice Univoco dell'Ufficio destinatario di Fatturazione Elettronica (IPA);
  • l’eventuale CIG o CUP da riportare in fattura;
  • l’assoggettabilità o meno dell’amministrazione ordinante al regime di split payment.

Si ricorda inoltre che eventuali informazioni aggiuntive da inserire nella fattura elettronica saranno riportate solo ed esclusivamente nella sezione "DatiBeniServizi" - "DettaglioLinee" - "Descrizione" della rappresentazione XML della fattura; non sarà possibile accettare ulteriori richieste di personalizzazione della fattura.

torna su